lunedì 6 ottobre 2014

Intervista a Robert Caillau

Pubblico qui un'intervista del Novembre 2009 a Robert Caillau, uno degli inventori del web, a proposito di Livecode:

Parlaci di te, di quello che fai, del tuo lavoro.

Se mi guardo indietro su tutta la mia carriera, mi sembra che ho sempre lavorato sulle interfacce uomo-macchina. Ho iniziato con il programma di miglioramento che ho intrapreso in laboratorio per l'ingegneria meccanica nel lontano 1969 presso l'università di Ghent. Poi ho studiato informatica e controlli negli Stati Uniti per un anno, concentrandosi sui sistemi operativi e linguaggi di programmazione. Quando sono tornato a Gand nel 1972 io ed un amico usammo il computer ibrido (qualunque cosa fosse) per controllare il modello utilizzato dallo studio sul comportamento umano mondo come stabilito nel famoso "Rapporto del Club di Roma" sui "Limiti dello sviluppo". Ciò dimostra che ero già interessato ai problemi che vediamo solo ora, 40 anni dopo: sovrappopolazione, scarsità di materie prime, l'inquinamento, i cambiamenti climatici. Nel 1974 sono finito al CERN.

Il CERN è un posto meraviglioso. Vorrei dirvi di più, ma c'è http://www.cern.ch, il sito web più antico di tutti. CERN è un laboratorio comune, originariamente per i fisici provenienti dall'Europa, ma ora è un laboratorio mondiale. Non c'è nulla di simile altrove. CERN offre i grandi acceleratori ad alta energia necessari per gli esperimenti che ci insegnerà più sulle particelle e le forze fondamentali della natura. Ho soggiornato al CERN fino al mio pensionamento nel 2007, ma in quel periodo ho avuto almeno quattro attività molto diverse.

Per prima cosa ho preso parte al progetto di ristrutturazione del sistema di controllo degli acceleratori del CERN. Abbiamo noleggiato un certo numero di programmatori a contratto per finire il lavoro, e uno di loro era Tim Berners-Lee. Tim ha usato il mio compilatore Pascal per scrivere un programma chiamato "Enquire", che era il suo primo tentativo di un sistema ipertestuale. Ma ha lasciato poco dopo per starsene un po' in Gran Bretagna.  

Un altro amico ed io avevamo scritto un sistema di elaborazione testo serio "Office Automation", come si diceva allora. Sulla base di ciò  sono stato nominato capo del Office Computing Systems, che è diventata la mia seconda grande attività al CERN. Dopo un po' ho concluso che avremmo dovuto basare tutto su un sistema ipertestuale in rete, ma nessuno nel mio gruppo volevo studiare questa idea. Nel 1989 ci fu un grande sforzo di ristrutturazione, e ho colto l'occasione per fare questo studio io. Tim era tornato al CERN, e molto presto ci siamo incontrati e hanno lavorato insieme sulla sua "Proposta di gestione delle informazioni". Dopo, definendolo World Wide Web, ci hanno permesso di fare un po' di sviluppo su di esso per un anno. Il WWW divenne ben presto popolare tra i fisici. Dopo il 1993 è veramente esploso e ho avuto le mie mani super occupate fino a circa 1999. 

L'esperienza del WWW mi ha insegnato quanto fosse difficile comunicare strane idee a persone che non ne avevano mai sentito parlare. Quindi, come l'ultima grande attività,  mi sono concentrato sulla comunicazione e sono stato responsabile delle comunicazioni esterne del CERN fino alla fine della mia carriera.  

In questo momento mi sto divertendo a fare tutti i progetti personali che sono stati accantonati negli anni frenetici del WWW.

Ovviamente sei famoso per il tuo coinvolgimento nella invenzione del World Wide Web, ci puoi dire un po' più al riguardo?

La cosa migliore sarebbe quella di leggere il libro "La storia del World Wide Web",  ma purtroppo è fuori stampa, quindi dovrete cercare una copia di seconda mano. Ho già detto come mi sono trasferito da poco a poco dalla programmazione dei sistemi di interazione umana alla loro documentazione a fare i processori di testo e, infine, a ipertesti. Dato che i fisici vengono al CERN per un esperimento e poi tornano alle loro università, ci fu un grande bisogno di avere un database di documenti che può essere consultato da qualsiasi luogo e da qualsiasi piattaforma. il WWW è una soluzione ovvia. Ma ho intenzione di parlare di questa fase della mia vita e della vita del WWW in occasione della conferenza di Las Vegas (RunRevLive 2008), preferisco non anticipare tale. Lasciatemi dire che abbiamo avuto praticamente tutto quello che vedi sul web ora già sui nostri sistemi NeXT nel 1990. E' stato anche un momento molto, molto emozionante per chiunque sia stato coinvolto e ci sono un gran numero di aneddoti incredibilmente divertenti, nessuno dei quali mi vi dirò qui!  

Come sei finito ad usare Livecode?

Ah! Ero abituato ad usare Hypercard (un predecessore di Livecode) dal 1985, avevo anche scritto un web editor e content manager in Hypercard per me e alcuni amici del CERN. Io ancora oggi faccio le mie presentazioni in HTML standard utilizzando quei vecchi stack! (stack significa programma scritto in Livecode ndTrad.) 
Poi Hypercard scomparve. Ma avevo un sacco di stack. Per fortuna c'era Classic (fino Mac Intel). Ma ho capito molto bene che a un certo punto avrei dovuto muovermi. Non conosco un altro linguaggio di programmazione così elegante oggi disponibili, tranne forse Hypertalk o Transceipt. Ho avuto molta paura: immaginare l'inferno di dover programmare in C o BASIC! L'ho fatto ed è davvero doloroso: spendete tutto il vostro tempo di debug invece di sviluppare.

Così, ogni tanto, alla fine della giornata, durante le notti buie e tempestose, viaggiavo in rete alla ricerca di sistemi simili a Hypercard. Un giorno trovai Livecode. Ho comprato tutte le versioni dal 1.1.1.

Non ho ancora convertito il mio sistema HTML, è piuttosto specifico.Comunque, a differenza di Keynote o PowerPoint, mi permette di strutturare il contenuto. Forse durante un buio fine settimana di questo inverno e prima di Las Vegas lo convertirò.

Come è stata la tua prima esperienza con Livecode?
  

"Bene", ma sapevo quello che mi aspettavo, naturalmente. Sono stato particolarmente felice che la squadra di Livecode fosse riuscita a ripulire il sistema e la lingua, ed era riuscita a mettere la giusta parte grafica! Per non parlare della velocità! Alcuni dei miei primi problemi con Hypercard rimangono però. Non dimenticate che al CERN nel 1990, abbiamo avuto un'ottima idea a scrivere il browser per Mac in Hypercard. Ma se volete saperne di più, venite a Las Vegas!

Per cosa lo usi ora?

Per ogni piccola cosa ho bisogno, avvio Livecode, scrivo e poi non ci penso più. Tutte le mie informazioni bancarie sono conservate in un unico grande foglio di calcolo. Io vivo sulla frontiera: metà in Svizzera (non UE, no euro) metà in Francia (UE, euro) e ho alcune cose lasciate in Belgio (ancora un'altra cultura bancaria). Ho quattro stack che convertono i dati elettronici delle diverse banche in un unico formato che uso.

Ho scritto i giochi. Ma ho anche uno stack che rinomina tutte le mie foto digitali utilizzando i dati EXIF​​. Mi rendo conto che un certo numero di queste programmi sono là fuori, ma nessuno di loro fa quello che il mio fa. Ho scritto un programma di  rinomina dei file per mia figlia, una biologa professionista, che non riusciva a trovare quello che voleva per i suoi dati scientifici.  

Il mio grande progetto è un programma che genera un Hyperbook chiamato iAlbum. Forse vi mostrerò alcuni risultati a Las Vegas. Ancora una volta mi hanno detto alcuni programmi esistono là fuori, ma nessuno di loro è flessibile e permette gerarchie. iPhoto è patetico.



Ah, sì, sto insegnando programmazione ai ragazzi che hanno difficoltà di apprendimento o difficoltà sociali gravi nell'istituto caritatevole "Not School", utilizzando Livecode naturalmente.

Ecco un piccolo esempio di qualcosa che uso con Livecode. Ha reso la mia vita in viaggio con un computer portatile molto più comodo. Quando Mac OS X viene avviato riproduce un suono di avvio. Che può essere molto fastidioso se si deve avviare il vostro computer portatile in un incontro.
 


Questo codice mette fine al suono di avvio, ma conserva ancora soundlevel dell'utente:
 
on StartUp
   put url ("file:"&specialfolderpath("Preferences")&"/ShutDownItemsPreferences") into lPrefs
   if the result is empty then -- there were valid preferences
      set the playloudness to line 1 of lPrefs
   else -- defaults
      set the playloudness to 50
   end if
end StartUp

on ShutDown
   put the playloudness into lPrefs
   put lPrefs into url ("file:"&specialfolderpath("Preferences")&"/ShutDownItemsPreferences")
   set the playloudness to 0
end ShutDown

Da questo link potete scaricare l'applicazione: http://www.runrev.com/newsletter/november/issue38/Shutdown_items.app.zip
Basta inserirla nelle applicazioni all'avvio e dimenticarsene.

Come senti rispetto ad altri ambienti di programmazione? 

Sono un programmatore molto vecchio. Ho iniziato come un "guru", si sa, il colletto bianco professionale dell'IT  il cui atteggiamento è che la vita sarebbe migliore se ci fossero solo amministratori e nessun utente. Ma poi ho fatto l'errore fatale di voler aiutare le persone a capire i computer. Sono diventato un utente. Peggio ancora, nel 1984 mi sono comprato un sistema che non poteva essere utilizzato senza un mouse! Un eresia per un sistemista: un Mac. I segretari potevano lavorarci senza dover chiamare i guru! Precarietà del lavoro per i guru informatici, non per me, ma ho cambiato. E ho insegnato un sacco di ingegneri del CERN come programmare. Questa esperienza ha portato ai miei "Tre criteri per i linguaggi di programmazione" che ho esposto in una conferenza di fisica nel 1988, ma io vi mostrerò a ... Las Vegas. (Sono espressi qui: http://tinyurl.com/lngqbafSolo Livecode risponde a tutti e tre i criteri!


Il  sito di Robert Caillau è : http://www.robertcailliau.eu/Welcome-en.html